LA VIRTÙ DEL SOGNATORE (TESTO)

LA VIRTÙ DEL SOGNATORE
(Testo: Eugenio Ciuccetti – Musica: Raffaele Rinciari)

Faccio un sogno ricorrente
che mi sembra interessante
io da sempre musicista
mi riscopro anche cantante.

Ho un amico paroliere
che mi presta le parole
io ci metto le mie arie
e nel sogno anche la voce.

Sono bello, affascinante
ho il mio pubblico d’autore
canto il jazz come Sinatra
tra Chicago e Singapore.

La virtù del sognatore
è proprio quella di sognare
ciò che vuole dalla vita
ma non riesce a realizzare.

E non teme di svegliarsi
perché sa che dopo il giorno
ci sarà sempre una notte
per riprendere il suo sogno.

Per finire la canzone
ci vorrebbe un’altra strofa
che spiegasse la morale
e desse un senso ad ogni cosa.

Ma il mio amico paroliere
è convinto che il concetto
sia già stato sviscerato
ed opportunamente espresso.

Questo è un sogno, non la vita
ma la notte mia è infinita
sogno di essere un cantante
tutto il resto è ridondante.

La virtù del sognatore
è proprio quella di sognare
ciò che vuole dalla vita
ma non riesce a realizzare
E non teme di svegliarsi
perché sa che dopo il giorno
ci sarà sempre una notte
per riprendere il suo sogno.