LA MIA ETÀ (TESTO)

LA MIA ETÀ
(Testo: Eugenio Ciuccetti – Musica: Raffaele Rinciari)

Whisky, vodka tre caffè
bevo tutto quel che c’è
prendo appunti su me stesso
e mi sento un po’ Baudelaire.

Sono solo contro il tempo
sono solo,  solo io
l’epicentro di me stesso
faccia a faccia col mio Dio.

Malinconico presente
chi lo sa cos’accadrà
non mi resta quasi niente
della mia felicità.

Era ieri che godevo
di ogni cosa in libertà
ora sento solo freddo
come pesa la mia età.

Quant’è bella giovinezza
pandemonio e fantasia
così piena d’imprudenza
così piena d’energia.

Quant’è bella giovinezza
tutta fatta di poesia
come Bacco con Arianna
chi vuol esser lieto sia.
chi vuol esser lieto sia.
chi vuol esser lieto sia.

Resto solo
in mezzo al tempo
resto solo
solo io.

Mi scompiglio
contro il vento
preparandomi
all’addio.

Malinconico presente
chi lo sa cos’accadrà
non mi resta quasi niente
della mia felicità.

Quant’è bella giovinezza
pandemonio e fantasia
così piena d’imprudenza
così piena d’energia.

Quant’è bella giovinezza
tutta fatta di poesia
come Bacco con Arianna
chi vuol esser lieto sia.

Quant’è bella giovinezza
che si fugge tuttavia
del doman non v’è certezza
chi vuol esser lieto sia.