AMSTERDAM (TESTO)

ASMSTERDAM
(Testo: Eugenio Ciuccetti – Musica: Davide Perra e Gianni Salis)

Ogni stella è un desiderio
che prima o poi si avvererà
e ogni nuvola è un segreto
che in silenzio se ne va;
la ragazza guarda il cielo
e scruta un mondo che non c’è
solo lei lo può vedere
già riflesso dentro sé.

Ogni notte la finestra
della vita si aprirà
lo spettacolo comincia
per la gente che non sa
quanto incanto ci può stare
in una scatola bordò
col velluto un po’ sdrucito
da un romantico Pierrot.

Un corpo, un’inquietudine, una malinconia
l’istinto che prevale come una malattia
il tocco di una mano, peccato o fantasia
è Amsterdam di notte, frammenti di poesia.

Il frastuono della festa
intorno non finisce mai
ma lei guarda sempre oltre
il vetro con la dignità
di un’artista che baratta
la sua rabbia con la tua
senza pena né disprezzo
ma con lieve nostalgia.

Finché poi quel cielo rosso
all’improvviso sparirà
sarà il tempo del ritorno
forse della libertà
e al di là della finestra
qualcun altro esprimerà
desideri tra le stelle
che nessuno mai saprà.

Un corpo, un’inquietudine, una malinconia
l’istinto che prevale come una malattia
il tocco di una mano, peccato o fantasia
è Amsterdam di notte, frammenti di poesia.

L’istinto che prevale come una malattia
il tocco di una mano, peccato o fantasia
è Amsterdam di notte, frammenti di poesia.